inter news

Bastoni: “Inter la mia seconda casa, sogno di diventare capitano. Problemi Suning? Giochiamo per passione, non per soldi”

Antonio Siragusano

 Alessandro Bastoni, Getty Images

"E lei che piani ha?

"Qui sto davvero bene. È la mia seconda casa e non ci saranno problemi a prolungare il contratto. Magari coronando poi un altro sogno: capitano della squadra del cuore".

"Lei è il più giovane e i 'vecchi' sono pochi. Se cominciate a vincere, potete aprire un ciclo?

"Il gruppo è stato rinnovato dalla scorsa stagione e continua a crescere. Puntiamo a fare il massimo".

"C’è però l’incognita Suning.

"Mai stato un problema: ci appagano i risultati del campo. Credo sia un bel messaggio per chi crede che si giochi per i soldi. Sono passione e voglia di vincere a prevalere su tutto. Altrimenti bisognerebbe cambiare mestiere".

"Il suo è meraviglioso, vero?

"All’Inter lo vivo come un bimbo al luna park. Tre anni fa a Parma la mia carriera era un’incognita. Ora mi alleno con i campioni e con loro imparo e cresco".

"Com’è trovarsi Lukaku contro in allenamento?

"Bello. Perché in partita poi è più facile. Quali attaccanti usano così bene il corpo e abbinano potenza e velocità?".

Romelu Lukaku, Getty Images

"Riceve complimenti da tutti. Che merito si riconosce?

"La forza mentale. Non sono sempre state tutte rose e fiori. A Bergamo ho fatto due anni di panchina e devo ringraziare la mia famiglia, il valore aggiunto che ho alle spalle".

"Che cosa può ancora migliorare?

"Tanto. Specie le piccole mali- zie delle quali sono maestri Chiellini e Bonucci. Ho il tempo dalla mia".

"E segnare di più, no?

"Sono d’accordo. Chiederò a Conte se posso tirare i rigori. Oh, scherzo! Però, davvero vorrei fare più gol. Come il mio idolo Sergio Ramos".

"Parliamo di Nazionale, allora.

"Sono salito in modo inatteso dall’Under 21, a causa di infortuni altrui. Mancini mi ha fatto giocare le ultime tre partite. Ora sarei ipocrita a dire che non penso agli Europei. Certo, sarebbe devastante. Sta succedendo tutto in poco tempo, anch’io fatico a metabolizzare".

"A proposito di azzurro, in chiave Inter teme la sosta in arrivo?

"Beh, le ultime del 2020 sono state un guaio, tra infortuni e Covid che da asintomatico ho preso anch’io per 10 giorni. Basta stare tutti attenti. Non servono scongiuri".

Potresti esserti perso