Biasin: “Inter? Qualcosa farà sul mercato. Ibra è un fenomeno, ma non credo possa tornare in Serie A”

Biasin: “Inter? Qualcosa farà sul mercato. Ibra è un fenomeno, ma non credo possa tornare in Serie A”

Il noto giornalista ha parlato anche del possibile colpo a centrocampo

di Antonio Siragusano

Intervenuto nel pomeriggio sulle frequenze di Radio Sportiva, Fabrizio Biasin ha parlato del possibile mercato che l’Inter potrebbe condurre nella prossima finestra di mercato, adesso che l’infortunio di Alexis Sanchez si è rivelato più serio del previsto. Ma non solo, perché anche a centrocampo si è più volte parlato di un possibile acquisto top, in grado di dare quell’esperienza necessaria a due giovani ed intraprendenti come Sensi e Barella. Dalla suggestione Ibrahimovic all’approdo di Stefano Pioli sulla panchina del Milan, ecco il commento del giornalista nerazzurro:

MERCATO INTER – “Sicuramente qualcosa farà, ma da qui a dire che se non prende un grande centrocampista non va da nessuna parte ce ne passa”.

IBRA ALL’INTER – “E’ un fenomeno, ma una società che ha un piano serio e sa quello che vuole non va a ripiegare su un giocatore di 38 anni. Non credo che sia nei piani di nessuna squadra di Serie A”.

PIOLI AL MILAN – “Lo abbiamo visto all’Inter nel post-De Boer e, in una situazione delicata, è riuscito a dare ordine. Pioli è l’ideale, ancora più di Spalletti. Tre posti Champions sono prenotati, poi la lotta è durissima, tra Atalanta, le due romane e il Milan. Vista la squadra delle prime 7 giornate, Pioli deve fare un mezzo miracolo, anche perché la rosa non permette di avere grandi certezze”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 1.900 interisti!

UFFICIALE – L’esito degli esami strumentali per l’infortunio di Sanchez: il comunicato del club

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy