Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

INTER NEWS

È caos su Bologna-Inter, i nerazzurri non ci stanno: ecco perché faranno ricorso

È caos su Bologna-Inter, i nerazzurri non ci stanno: ecco perché faranno ricorso - immagine 1

La società vuole andare a fondo della questione

Pietro Magnani

Il giudice sportivo, lavandosene metaforicamente le mani, ha passato la patata bollente riguardo Bologna-Inter alla Lega. Di fatto, lasciando intendere che il match vada ripetuto e che non ci siano le basi per il 3 a 0 a tavolino. Ma perché? Che differenza c'è rispetto a Udinese-Salernitana, dove invece ai friulani, temporaneamente, è stata assegnata la vittoria? E perché Bologna-Inter ha ricevuto un verdetto tanto frettoloso e le altre gare rinviate del 6 gennaio invece ancora no e probabilmente vi verrà assegnato anche qui il 3 a 0 a tavolino? Facciamo chiarezza.

È caos su Bologna-Inter, i nerazzurri non ci stanno: ecco perché faranno ricorso- immagine 2

La partita tra Bologna ed Inter in programma il 6 gennaio al Dall'Ara è saltata perché l'Asl locale ha bloccato i padroni di casa, che avevano 5 positività nel gruppo squadra (ora, dopo il nuovo protocollo, il tetto massimo per il rinvio è di 9). Nella sua decisione, come evidenzia anche La Gazzetta dello Sport, il Giudice Sportivo ha valutato il veto dell'Asl come una causa di forza maggiore, avendo agito come da regolamento, a differenza della Salernitana. I rossoblu in pratica non hanno colpe.

L'Inter però non ci sta e non ha intenzione di stare a guardare. Per la dirigenza la situazione è anomala e c'è stata un'evidente disparità di trattamento tra gli altri casi e quello dei nerazzurri, visti anche i precedenti della passata stagione: questo è il primo caso analogo in cui si decide di procedere in questo modo. Perché? L'Inter ha quindi deciso di fare ricorso, anche solo per principio. Vogliono vedere su quali basi e tramite quali documenti il Giudice Sportivo ha preso la sua decisione, andando contro la prassi che prevede invece lo 0-3 a tavolino. Non avendo fatto ricorso il Bologna a suo tempo infatti, la dirigenza nerazzurra non ha potuto vedere i documenti ed ora, giustamente, vuole vederci chiaro.

Anche con il ricorso la partita quasi certamente si ripeterà, resta però da capire quando. Le tempistiche inevitabilmente si allungheranno e quasi sicuramente la data del 23 febbraio, sgradita all'Inter per questioni di calendario, slitterà più avanti. La prima data utile successiva potrebbe essere quella del 16 marzo.