Inter-Benevento, Conte: “Dzeko-Sanchez? Io non ho chiesto nulla al club, ma se qualcuno non è contento qui vedremo”

Le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia della 20esima giornata di Serie A

di Raffaele Caruso

Dopo il successo in Coppa Italia che ha ridato morale a tutto l’ambiente Inter, la formazione nerazzurra è già pronta a tornare in campionato e iniziare bene il girone di ritorno. Domani sera a San Siro la squadra di Conte ospiterà il Benevento di Pippo Inzaghi. Un match che all’andata non venne mai messo in discussione grazie al 2-5 ottenuto dall’Inter, sempre in controllo della partita e subito in forma smagliante. Ma che domani potrebbe riservare qualche difficoltà, considerato il sorprendente percorso di crescita attraversato negli ultimi mesi in campionato dal club campano. Le parole di Conte in conferenza stampa. Segui Inter Benevento live e in esclusiva su DAZN. Attiva Ora.

Sul Benevento:Sta facendo molto bene, sono contento per Pippo che dopo la promozione si sta confermando in Serie A. Sono molto contento per lui. Inizia il girone di ritorno, i punti iniziano a pesare per tutti. Sia per chi si salva, chi gioca per la Champions e per lo scudetto”.

Su Dzeko:Io non ho chiesto niente alla mia proprietà. Iniziamo a dire questo. Se qualcuno accosta Dzeko all’Inter per mia volontà siete distanti anni luce. Questi sono i giocatori che ci sono e ci saranno fino alla fine del campionato. Ogni volta che c’è un giocatore accostato si parla sempre di un capriccio del tecnico. Ho influito poco in tutte le situazioni di mercato fin qui. Di lui non parlo, perché è un giocatore della Roma. Ho rispetto di Dzeko, della Roma e dei miei giocatori. Se poi qualcuno non è contento qui, si vedrà. Ma tutto va incastrato senza un esborso economico. La situazione rimane quella che sapete”.

Troppi gol sbagliati: “Si può solo lavorare per migliorare nelle conclusioni e nella qualità dell’ultimo passaggio. I portieri avversari sono sempre i migliori in campo, ma noi dobbiamo essere più cattivi e determinati. Tutti, anche difensori e centrocampisti”.

Su Eriksen: “Al di là delle sue qualità balistiche, vogliamo un suo contribuito anche nel calcio giocato durante le partite, non solo su punizione. L’Inter non ha avuto uno specialista in questi anni, è un’arma sicuramente in più. Ci aspettiamo anche qualcosa in più ora dal campo”.

Su Sanchez:E’ un giocatore dell’Inter, deve stare concentrato ed essere a disposizione dell’Inter”.

La squalifica:Ho chiesto io alla società di non fare ricorso, bisogna accettare la decisione. Così come il club, giusta o sbagliata che sia. I ragazzi sanno quello che devono fare e che tipo di gara ci aspetta”.

Su Vecino e Sensi: “Abbiamo deciso di far giocare Matias con la Primavera in questi giorni per fargli mettere minuti nelle gambe. Sta lavorando e speriamo di averlo al 100% il prima possibile. Sensi? Anche lui sta lavorando, sta cercando di calibrare bene i lavori e tutto quello che gli riguarda”.

Scontro Ibra-Lukaku: “Non mi interessa se verrà aperta un’inchiesta. Io faccio l’allenatore”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy