Conte: “I tifosi devono sognare. L’immagine dell’Inter è cambiata, in Champions a caccia dell’impresa”

Terza parte della lunga intervista fatta da Gazzetta al tecnico nerazzurro

di Raffaele Digirolamo, @RaffaDigi97

Dopo aver presentato la sua idea di calcio e parlato di alcuni calciatori dell’Inter, nell’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport Antonio Conte si è soffermato sulla stagione in corso e sulle ambizioni della squadra: “I tifosi hanno il diritto di sognare, ma dobbiamo essere consapevoli che quella scorsa è stata una stagione anomala in cui abbiamo fatto qualcosa di incredibile anche grazie a defaillance altrui. Siamo finiti a -1 anche perché la Juventus, dopo aver vinto il titolo, nelle ultime partite ha un po’ mollato. Io paradossalmente sono più fiero di essere arrivato così davanti al Napoli, che partiva per vincere lo scudetto. Della Juve non ricordo solo il -1 finale, ma anche la partita che hanno giocato e vinto contro di noi pre lockdown. In cui loro hanno mostrato di avere ancora intatta cattiveria e fame di successo. Noi stiamo lavorando per non essere da meno”.

Conte prosegue: “L’immagine dell’Inter da parte degli avversari è cambiata, e questo significa che abbiamo fatto bene. Ma anche che le partite contro di noi vengono preparate diversamente: giocano tutti alla morte e con la massima concentrazione. Questo campionato è più difficile rispetto a quello scorso. Dobbiamo essere bravi a cogliere i momenti giusti in partita, sprecare meno, evitare ogni distrazione. In una parola, crescere. Il livello di guardia degli avversari si è alzato e bisogna capirlo bene”.

Sulla Champions: “Serve una impresa. Ma abbiamo dimostrato nelle tre partite giocate, nonostante i risultati non ci abbiano sorriso, di poterci stare. E faremo di tutto per restarci”.

Il tecnico conclude: “Numericamente siamo più strutturati. Come funzionalità di calciatori possiamo migliorare”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy