Emre: “Calciopoli un duro colpo per l’Inter e per il movimento. Rammarico? Essere andato via troppo presto”

Emre: “Calciopoli un duro colpo per l’Inter e per il movimento. Rammarico? Essere andato via troppo presto”

L’ex centrocampista nerazzurro milita nella massima divisione turca

di Antonio Siragusano

Emre Belozoglu, 37 anni sulla carta d’identità, ma un ragazzino nello spirito. Tutt’oggi in attività, l’ex centrocampista interista ha ancora voglia di giocare e sentirsi bene. Intervistato da La Gazzetta dello Sport, il calciatore turco sta vivendo una favolosa esperienza nel Basaksehir, squadra la rivelazione degli ultimi 2 anni di Süper Lig (2° posto dietro al Besiktas e oggi a -1 dal Galatasaray in testa).

La parola ‘ritiro’ le fa paura?
“Assolutamente no. Sto benissimo fisicamente e psicologicamente, ma non voglio tirare troppo la corda. Sono in scadenza, rinnoverò per un altro anno poi dirò stop”.

Futuro in panchina o scrivania?
“Non mi fa impazzire l’idea di allenare, anche se nella vita mai dire mai. Vorrei diventare un grande d.s.: scovare talenti, trattare acquisti e cessioni, stare vicino al tecnico ed essere un tramite tra calciatori e presidente”.

Un modello?
“A Milano c’era Oriali, persona super e professionista di alto livello. Ecco, mi piacerebbe diventare proprio quello che rappresentava lui nella nostra Inter”.

Magari proprio a Milano…
“Sarebbe un sogno, ma la gavetta è importante. Poi sono passati tanti anni, magari si sono dimenticati di me”.

A proposito di Inter: dal Triplete del 2010, quante annate deludenti.
“Tutto il calcio italiano non è più quello di prima quando era l’Nba del basket. Ora l’estero ha tutt’altro appeal e più denaro. E l’Italia fatica a tenere il passo. Detto ciò, l’Inter era e resterà per sempre nel mio cuore”.

D’altronde 4 anni non sono pochi.
“Fu la prima volta che lasciai il mio Paese. Tanti ricordi, venni accolto subito come uno di loro. Inoltre c’era Moratti, un gentleman del calcio. Un vero fuoriclasse”.

Inter forte, ma Juve e Milan forse erano superiori.
“La crescita loro era costante, c’era una base solida alla quale ogni anno aggiungevano 2-3 big. Noi cambiavamo troppo, in campo e in panchina. Perciò facevamo fatica a vincere”.

La storia dice anche per Calciopoli.
“Situazione simile in Turchia nel 2010. Un brutto colpo per l’Inter e l’intero movimento italiano. Psicologicamente fu dura, davamo il 100% mentre all’esterno accadevano certe cose…”.

Cuper, Zaccheroni e Mancini: ricordi?
“Hector eccezionale, cambiò la mentalità dopo anni difficili. Gli devo molto. E non posso parlar male di Zaccheroni, bravo tecnico e ottima persona. Mentre Mancio è una garanzia. Tra di noi c’era un grande rapporto e lo ringrazio perché giocai molto, nonostante la concorrenza”.

Come dimenticare i due gol di Roma contro la Lazio il 7 dicembre 2002, sua unica doppietta italiana: il primo gol con pallonetto da fuori area… Dopo la doppietta alla Lazio, ’02
Ma soprattutto il secondo, quello di destro, che uso solo per camminare! Non ci credo ancora oggi”.

Qualche rammarico?
“L’addio, non me lo sono mai perdonato. Avevo 25 anni e una testa diversa, tornando indietro rimarrei all’Inter”.

Leggi anche–> L’Inter vuole riscatta Rafinha: ecco il piano per convincere il Barcellona

Tutte le info sull’Inter: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

IL BRAGA PRESENTA IL NUOVO ACQUISTO CHE DIVENTA… UN POKEMON!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy