Hellas Verona-Inter, Marotta (Sky): “Io via? Fake news. Basta parlare di Lautaro, da Eriksen ci aspettiamo molto”

Il dirigente nerazzurro ha analizzato la situazione dopo la brutta sconfitta con il Bologna

di Davide Ricci, @davide_r22

Beppe Marotta ha parlato come di consueto ai microfoni di Sky a pochi minuti dal calcio di inizio del delicato match contro l’Hellas Verona. I nerazzurri infatti sono reduci dalla clamorosa sconfitta casalinga contro il Bologna e, visto anche il sorpasso dell’Atalanta, sono sostanzialmente obbligati a vincere fornendo una prestazione convincente.

Ecco le parole del dirigente nerazzurro: “Rimpianti? Sono tanti. Bisogna mettere da parte la sconfitta e già da stasera mettere in campo una grande prestazione d’orgoglio ed ottenere il massimo del risultato”.

CLAUSOLA LAUTARO – “Turnover fisiologico alla luce degli impegni ravvicinati. E’ gusto che l’allenatore che valuta giorno per giorno i giocatori possa decidere la miglior formazione da mettere in campo. Come sappiamo ci sono 5 sostituzioni e nell’arco della partita c’è tempo per essere determinanti. Lautaro? Non è un argomento che ci toglie dagli impegni di stasera. Ne abbiamo parlato troppo”.

ERIKSEN – “E’ un giocatore che arriva dall’estero ed è normale che trovi un po’ di difficoltà. Le aspettative erano e sono ancora oggi molte, però sono certo che Conte sta facendo un buon lavoro nell’inserimento tattico. Anche qui bisogna avere calma per non caricarlo di responsabilità e di non etichettarlo come un giocatore senza qualità”.

CAMBIO MODULO – “Destabilizzato la squadra? Non credo. La squadra ha espresso un bel gioco, a parte alcuni episodi. Il singolo non può far cambiare modulo, credo che nel calcio moderno sia fisiologico e l’allenatore lo ha fatto anche da altre parti”.

ADDIO MAROTTA – “Fake news. Io sono legato all’Inter e sto bene in un questo club che vuole raggiungere degli obiettivi. Io sono migliorato tantissimo e voglio raggiungere soddisfazioni con questa società. Lo sforzo è che voglio dare la mia collaborazione a tutti per ottenere bei risultati Ci vuole pazienza e calca, questa è la cosa che manca al momento. Stiamo crescendo di mese in mese al di là delle statistiche e della classifica. E’ un processo lungo, la società ha bisogno di continuità”.

KUMBULLA – “E’ un giocatore seguito da tantii club. Sono contento per lui, è un peccato che abbia scelto una Nazionale diversa. Dal punto di vista calcistico fa parte di quella schiera di giovani interessanti che il calcio italiano riesce ancora a sfoderare”.

GIOCATORE PER TRASCINARE IL GRUPPO – “Non è facile individuarli e farli venire, però uno step di crescita è rappresentato dalla mentalità vincente. Tu ce l’hai quando ottieni dei risultati. L’obiettivo principale è quello di trovare dei campioni insieme ai giovani più interessanti”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Hellas Verona-Inter, le formazioni UFFICIALI: c’è Godin. La scelta su Eriksen e Sanchez

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy