Accadde Oggi – 8 ottobre 1950, Inter-Napoli 4-3: doppietta di Lorenzi, gol e spettacolo a San Siro

Quell’anno l’Inter mise a segno 107 reti in campionato

di Lorenzo Della Savia

A vederli oggi (inteso proprio come oggi, quest’anno, dal momento che con la nuova stagione la tendenza sembra essere quella di segnare di più), i numeri del campionato di Serie A 1950-1951 fanno quasi impressione: dei numeri che vedono le prime due in classifica – rispettivamente Milan e Inter – vantare 107 gol segnati a testa, con la terza in classifica (la Juventus) a quota 103. Tutti abbondantemente oltre quota 100, poi un abisso: il quarto miglior attacco, per dire, quello della Lazio quarta in classifica, si fece autore di appena 64 gol, e questo in 38 partite stagionali, esattamente tante quante se ne giocano adesso. L’anno precedente, il Milan ne segnò 118, mentre nel campionato 1947-1948 (a 21 squadre) il Torino ne mise a segno addirittura 125. Ed esattamente settant’anni fa – l’8 ottobre 1950 – l’Inter diede dimostrazione della sua capacità offensiva in una gara contro il Napoli, valida per la quinta giornata di quel campionato e vinta dai nerazzurri per 4-3.

Pronti via e la squadra meneghina allenata allora da Aldo Olivieri si porta subito sul 3-0. Ad aprire le danze per l’Inter ci pensa Rossetti direttamente al primo minuto, seguito dalle reti di Lorenzi (decimo minuto) e Wilkes (20esimo minuto). Il Napoli accorcia le distanze al 35esimo con Bacchetti, e dopo due giri di lancette accorcerà ulteriormente, mettendo un po’ di ansia ai 60 mila spettatori di San Siro: al 37esimo è infatti Masoni a portare il punteggio sul 3-2. Nel secondo tempo, è il secondo gol di Lorenzi (73esimo minuto) a dare un po’ più di tranquillità all’Inter, portando il risultato sul momentaneo 4-2, prima della rete – all’80esimo – di Bacchetti per il Napoli, che fissa il conteggio dei gol sul 4-3 finale.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy