Sconcerti: “Conte un fenomeno, riesce a dare intensità e motivazioni. Ma l’Inter è squadra di numeri due”

Sconcerti: “Conte un fenomeno, riesce a dare intensità e motivazioni. Ma l’Inter è squadra di numeri due”

Nel delineare la situazione legata alla panchina nerazzurra il giornalista ha anche parlato del futuro di Luciano Spalletti

di Andrea Ilari
intervista sconcerti

Champions o non Champions sembra essere più che probabile l’addio dall’Inter di Luciano Spalletti alla fine della stagione. Sulla panchina del tecnico toscano infatti aleggia, e non da oggi, l’ombra di Antonio Conte, sostituto designato a ricoprire il ruolo di prossimo allenatore dei nerazzurri. Del futuro di Spalletti, così come del possibile arrivo a Milano dell’ex tecnico di Juventus e Chelsea, ha parlato a Calciomercato.com Mario Sconcerti. Questo l’intervento del giornalista:

Il valore aggiunto che porterebbe Conte? Lui porta se stesso e una forte personalità di base, che è la cosa che manca all’Inter. I nerazzurri sono una squadra di numeri due, ma lui è uno dei pochissimi numeri uno in circolazione. Riesce a dare intensità e motivazioni ai numeri due. Sono rimasto strabiliato dal campionato Europeo dell’Italia di Conte, lui riusciva a fare giocare la Nazionale proprio come una squadra di club. Conte è un fenomeno, ma l’Inter è una squadra di numeri due. Certamente l’Inter avrà un’altra aggressività, un’altra voglia di stare un campo“.

Infine un commento sul futuro di Spalletti: “Se vuole una squadra all’estero la trova. E’ un ottimo allenatore. Conte è migliore, ma lui è un ottimo allenatore“.

Argentina, non solo Lautaro: Scaloni chiama anche Icardi. Ma resta a rischio per la Copa America

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di PassioneInter.com

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy