ESCLUSIVA – Collovati: ”Inter, tieniti stretto Sensi! Derby? Conte favorito. Buttare giù San Siro è una follia”

ESCLUSIVA – Collovati: ”Inter, tieniti stretto Sensi! Derby? Conte favorito. Buttare giù San Siro è una follia”

Passioneinter ha intervistato in esclusiva l’ex difensore di Inter e Milan a pochi giorni dal derby di Milano

di Raffaele Caruso

Ancora pochi giorni di attesa e poi sarà finalmente Milan-Inter: c’è tanta attesa per il derby di Milano, anticipo serale e big match della quarta giornata di Serie A. Da una parte i nerazzurri guidati da Conte, a punteggio pieno e in vetta da sola in classifica, dall’altra i rossoneri di Giampaolo reduci dalla vittoria sul campo dell’Hellas Verona.

La redazione di Passioneinter.com ha contattato in esclusiva Fulvio Collovati, in qualità di doppio ex, a tre giorni di distanza dalla super sfida. L’ex difensore, campione del mondo con la Nazionale italiana, dopo esser cresciuto nel settore giovanile rossonero, ha militato nel Milan per 7 stagioni prima di trasferirsi nell’estate magica del 1982 proprio all’Inter. In nerazzurro Collovati ha disputato quattro stagioni da titolare raggiungendo per due anni di fila le semifinali di Coppa UEFA nel 1984-1985 e 1985-1986, collezionando ben 158 presenze e 6 reti.

Fulvio nella tua carriera ha vestito sia la maglia del Milan che quella dell’Inter. Il tuo trasferimento da una sponda all’altra del Naviglio non fu accolta positivamente…

“Parliamo di 30/40 anni fa, sono stato uno dei primi di passare dal Milan all’Inter nei tempi moderni con tutte le problematiche che ci possono essere state della tifoseria rossonera che non accettò, non conoscendo bene la situazione. Allora non c’erano i procuratori e decideva la società. Oggi sono i calciatori a decidere il proprio destino, allora fu la società a decidere”.

Che emozione si prova nel giocare un derby a Milano? 

“Emozioni le ho avute sia con la maglia del Milan che con quella dell’Inter. Ho passato 12 anni della mia carriera a Milano, potrei stare qui ore a raccontare la magia del derby”.

L’Inter di Conte ha iniziato il campionato con il turbo, ma in Europa ha ‘steccato’ alla prima contro lo Slavia Praga. Come ci arriva l’Inter a questa sfida? Quali sono i motivi della prestazione deludente in Champions?

“Io l’ho vista e l’ho anche commentata per Radio Rai. Conte sta cercando di trasmettere questa forza, questa cattiveria e questa continuità che l’Inter non ha mai avuta. Perché la chiamano ‘Pazza Inter’? Conte sta cercando di infondere questo. Diciamo che in campionato l’ha avuta, in Coppa è un altro discorso. Forse ha pagato lo sforzo, quando bisogna essere aggressivi a tutti i costi recuperare le energie in 3/4 giorni non è facile. Ho avuto l’impressione che contro lo Slavia Praga è mancata la ferocia e questo mancasse dal punto di vista fisico. Ho visto una squadra stanca”.

Il Milan invece arriva dopo la sofferta ma comunque importante vittoria a Verona. Che tipo di derby ci dobbiamo aspettare?

Il derby è il derby. Riserva sempre sorprese, emozioni e colpi di scena inattesi. Non so dirti, sulla carta è evidente che per la classifica e per l’euforia che si respira è l’Inter ad essere favorita. Però dipenderà da come verrà interpretata tatticamente la partita. Il Milan a Verona è stato costretto a fare la partita e quando è così fatica tanto perché il suo gioco è più incentrato sulla rimessa e sul contropiede. L’Inter potrebbe andare in difficoltà qualora il Milan giochi in ripartenza”

L’Inter di Conte attualmente è in testa al campionato, il derby rappresenta sicuramente un test importante per capire le reali ambizioni di questa squadra in campionato. Può contendere lo scudetto a Juventus e Napoli? Come la vedi posizionata in questa corsa a 3?

‘Il discorso è questo: tutto può essere possibile. Conte lo ha sottolineato in conferenza stampa. Il primo anno con la Juventus aveva in attacco Matri e Vucinic eppure ha vinto lo scudetto. Adesso ti ritrovi giocatori che giocano tutti in Nazionale e di qualità e insieme al Napoli è la pretendente numero uno per contendere lo scudetto alla Juventus. Sono loro due l’anti-Juve. Poi bisogna vedere il percorso in Europa perché l’Inter ha una rosa comunque inferiore. Tutto deve essere al massimo per competere la Juventus ma la base è questa”.

C’è qualcuno che sta veramente incantando con la maglia dell’Inter. Quel qualcuno si chiama Stefano Sensi: che scoperta per l’Inter e per la Nazionale azzurra…

”E’ già un grande centrocampista. L’impressione è che Conte abbia trovato la giusta collocazione in campo per lui. L’altro giorno quando è uscito Brozovic si è abbassato play ma nelle prime partite ha giocato sempre al ridosso delle punte. E’ uno eclettico e l’Inter se lo deve tenere stretto perché sa fare tutto. E’ sorprendente, perché dobbiamo essere obiettivi e nessuno si aspettasse esplodesse così. E’ un punto di forza, non solo per l’Inter ma anche per la Nazionale”.

Visto la tua incredibile carriera da difensore è inevitabile chiederti della GDS. Godin, De Vrij e Skriniar: è la difesa più forte d’Europa?

“Vedendo quella della Juventus in queste prime partite, la difesa dell’Inter lo è. Ha grandissimi colpitori di testa: questo è importante non solo in fase difensiva ma anche in fase offensiva”.

Ultima domanda. Quello di sabato potrebbe essere uno degli ultimi derby a San Siro…

Non voglio arrivare agli estremi del mio amico Spillo Altobelli che ha dichiarato di volersi legare ai cancelli di San Siro (ride, ndr). Non ho letto bene le sue dichiarazioni ma mi sono messo a ridere. Demolire San Siro? Le storie del calcio non vanno abbattute ma vanno protette, vanno tutelate, vanno migliorate e vanno ristrutturate. E’ chiaro che poi gli stadi moderni sono differenti e San Siro va rinnovato. Ne ho visto uno l’altro giorno in Qatar con la camera da letto all’interno, si passa da un estremo all’altro. Allo stadio si va per vedere la partita! Buttarlo giù è una follia”.

 

LA REDAZIONE DI PASSIONEINTER RINGRAZIA FULVIO COLLOVATI PER LA CORTESIA E DISPONIBILITÀ CONCESSA

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già 1586 interisti!

GdS – Confronto duro tra Lukaku e Brozovic: i compagni evitano la rissa

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy