OCCHI SULL’AVVERSARIO – Guida alla Lazio: ecco come si presentano i biancocelesti alla nuova stagione

La squadra di Inzaghi proverà a ripetere gli exploit visti nella prima parte della scorsa stagione

di Luca Tagliabue

Dopo le due vittorie contro Fiorentina e Benevento, la nuova Inter di Antonio Conte è pronta a tornare in campo per continuare a vincere e rimanere tra le squadre a punteggio pieno in testa al campionato. Ad attenderla ci sarà la Lazio di Simone Inzaghi, un test importante dopo due match che, al netto dei tanti gol segnati, hanno evidenziato qualche lacuna di troppo nella fase difensiva nerazzurra. In attesa del fischio d’inizio, scopriamo insieme come arrivano i biancocelesti al big match di oggi.

UNA STAGIONE TRA ALTI E BASSI

Nel 2019-2020 la Lazio ha vissuto una stagione a due facce. Prima del lockdown ha messo in fila una lunga serie di ottime prestazioni e risultati, dando l’impressione di poter lottare fino alla fine per lo scudetto e battendo la Juve sia nello scontro diretto in campionato sia nella finale di Supercoppa. Vincendo, tra l’altro, anche contro l’Inter in una delle ultime partite prima dello scoppio dell’epidemia di Covid-19.

La squadra che si è presentata al ritorno in campo di giugno è sembrata però solo un lontano parente di quella vista nei mesi precedenti. I biancocelesti hanno infatti cominciato a faticare molto nell’imporre il proprio gioco, subendo gli avversari e dimostrandosi molto meno solida in fase difensiva. La Lazio ha finito quindi il campionato accumulando, da giugno in poi, più sconfitte che vittorie (rispettivamente 6 e 5, più un pareggio), per un andamento più da meta classifica che da corsa scudetto.

In realtà, nonostante questo, la stagione della squadra capitolina si è conclusa centrando di fatto quello che era da anni il grande obiettivo della società, ovvero quella qualificazione in Champions League che mancava ormai da più di dieci anni e che sulla carta potrebbe permettere grazie ai propri introiti di far fare al progetto della Lazio un ulteriore salto di qualità rispetto agli ultimi anni.

UN MERCATO SENZA BOTTI

L’ultima parte di stagione aveva mostrato come la Lazio potesse soffrire la lunga serie di impegni ravvicinati che aveva messo in luce le criticità della rosa corta a disposizione di Simone Inzaghi. E’ per questo che, in vista dell’impegno in Champions League, ci si aspettava una campagna acquisti in grado di far fare alla squadra un netto salto di qualità in questo senso, ma quanto visto finora non ha soddisfatto appieno i tifosi biancocelesti.

Complice anche la situazione di incertezza e difficoltà economica che aleggia sul calcio dallo scoppio dell’epidemia, il presidente Lotito e il d.s. Tare hanno deciso di compiere esclusivamente investimenti contenuti e mirati, evitando fuochi d’artificio da prima pagina ma mettendo a segno alcuni colpi che potranno garantire ad Inzaghi pedine importanti da inserire nelle rotazioni.

Il primo acquisto della stagione è stato l’attaccante kosovaro Muriqi, in arrivo dal Fenehrbace dopo una stagione da oltre 15 gol. Dopo di lui è arrivato il turno di Fares, acquistato dalla Spal per aggiungere un’alternativa di buona affidabilità alla batteria di esterni a disposizione dell’allenatore, a cui è seguito il ritorno di Hoedt per la difesa. Infine è stato ufficializzato l’acquisto di Andreas Pereira, centrocampista di buona tecnica e prospettiva in arrivo dal Manchester United.

NEL SEGNO DELLA CONTINUITÀ

In definitiva, lo sforzo maggiore fatto dalla società sul mercato è stato quello di trattenere per un altro anno i pezzi più pregiati a disposizione dell’allenatore, a partire da Immobile, fresco vincitore della scarpa d’oro, fino ad arrivare a Luis Alberto, Milinkovic-Savic e Correa. E’ quindi ancora una volta dal loro rendimento che dipenderanno le sorti della stagione della Lazio, che punterà di nuovo sulla continuità tecnica e tattica per confermarsi ai piani alti della Serie A senza sfigurare nel suo ritorno al maggiore palcoscenico europeo. Sarà dunque una stagione fondamentale per misurare le ambizioni del progetto della società, decisa a continuare ad occupare un ruolo di primo piano all’interno del calcio italiano dopo quanto di buono fatto negli ultimi anni.

L’ESORDIO IN CAMPIONATO

L’esordio in campionato è arrivato dunque con il match della seconda giornata contro il Cagliari, dove la Lazio ha messo in mostra una prestazione piuttosto solida valsagli la vittoria per 2-0 (reti di Lazzari e Immobile). Una prestazione che però non si è ripetuta nel recupero della prima giornata giocato in settimana, dove i biancocelesti sono crollati sotto i colpi di un’Atalanta che sembra aver ripreso da dove aveva finito, controllando la partita dall’inizio alla fine e portandosi a casa una pesante vittoria per 4-1. Viste le circostanze, è presto per i giudizi catastrofici, ma la differenza di livello vista in campo contro la squadra bergamasca avrà sicuramente fatto suonare qualche campanello d’allarme nella testa di Simone Inzaghi, che proverà ad invertire la rotta già dal match contro l’Inter per dimostrare che la sua squadra può continuare a competere ai massimi livelli anche quest’anno.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy