Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

Tra prestiti e rinnovi, l’estate thriller dei contratti in scadenza

Sono tanti i giocatori che rischiano di trovarsi nel limbo, un problema importante da risolvere per la Federcalcio

Gianluca Cutillo

Sono molti in Serie A i contratti che termineranno il 30 giugno. O per la scadenza del prestito o semplicemente la scadenza di un contratto in essere tra società e calciatori. La questione è soltanto uno dei tanti problemi che dovranno essere affrontati nel caso in cui il campionato ripartisse. Il paradosso infatti verrebbe a crearsi qualora i primi di luglio un giocatore decidesse di cambiare squadra, a campionato in corso, per giocare le poche partite restanti con un altro team nello stesso torneo. A riportare la problematica questa mattina è La Gazzetta dello Sport che fa il punto sui prestiti e vari contratti in scadenza a fine giugno. La situazione dell'Inter non è rassicurante qualora non si arrivasse ad un accordo (comunque alquanto improbabile).

Al momento infatti ci sarebbero quattro prestiti in scadenza: Moses, Biraghi, Sensi e Sanchez. Tra questi l'unico praticamente certo di una conferma sarebbe il numero 12, Stefano Sensi. E gli altri? La situazione dovrebbe essere differente, infatti Sanchez pare non rientrare nei piani futuri interisti, così come anche Victor Moses, ancora in dubbio. La Federcalcio in questi giorni è in continuo contatto sia con l'Assocalciatori che con la Lega per trovare un accordo in merito. L'idea sarebbe comunque quella di prolungare i contratti almeno fino al termine della stagione calcistica, non quella delle chiusure dei bilanci. Oltre ai prestiti in scadenza, ci sarebbe anche la situazione dei giocatori di proprietà del club, a fine contratto: Borja Valero, Padelli, Berni e Ashley Young.

Anche qui l'unico che dovrebbe essere assolutamente sicuro della conferma pare essere l'esterno inglese, arrivato nello scorso mercato di gennaio. Per Padelli si prevede uno scivolamento nelle gerarchie a terzo portiere, con l'arrivo di un futuro titolare tra i pali interisti. Insomma la situazione andrebbe risolta il prima possibile per evitare che alcune squadre si possano trovare con dei giocatori in un imbarazzante limbo. E se Mertens decidesse proprio di accasarsi ad Appiano Gentile i primi di luglio? Poco dopo rischieremmo di vederlo subito in azione contro il suo Napoli...