inter news

Accadde Oggi – 13 luglio 2018: Spalletti loda Nainggolan prima del “flop”. Oggi il futuro del Ninja è un rebus

In conferenza stampa l'ex allenatore nerazzurro esalta il belga, acquisto di punta dell'estate di calciomercato

Marco Accarino

"L'arrivo con annesso bagno di folla (utopia pura, se pensiamo di poterlo replicare in questi giorni...) e l'euforia dilagante di un'intera tifoseria: era l'estate del 2018 quando Radja Nainggolan arrivava all'Inter al termine di un'operazione svolta relativamente in tempi veloci. Un acquisto firmato Piero Ausilio e Luciano Spalletti, carta fondamentale giocata dai nerazzurri per convincere il belga ad accettare la corte del club milanese e, soprattutto, per convincerlo a dire addio alla sua amata Roma. Ed è proprio il rapporto tra l'allora allenatore dell'Inter e Nainggolan il protagonista di questa puntata di "Accadde Oggi".

"Esattamente due anni fa infatti Spalletti, arrivato in conferenza stampa, apriva la nuova stagione dedicando parole al miele per il suo pupillo, da tutti ritenuto come il vero grande acquisto di quel mercato nerazzurro: "A noi Radja piace perché vive mostrando quello che è. Ha fatto bene ovunque è andato e sono sicuro che vorrà dimostrare il suo valore anche ai nostri tifosi. E' uno che, quando lo guardi, raramente ti inganna!". Parole importanti che, nonostante il gol decisivo contro l'Empoli all'ultima giornata che regala la Champions League all'Inter, non trovano però conferme al 100% nella realtà: la stagione del Ninja a Milano è fatta di luci e di ombre, con queste ultime che molto spesso sembrano prendere il sopravvento.

"Oggi, 13 luglio 2020, il destino sembra voler riservare a Nainggolan un'altra chance: si parla infatti insistentemente di un possibile ritorno alla base del belga dopo il prestito al Cagliari, dove il belga ha fatto molto bene per almeno metà stagione. L'ok di mister Antonio Conte sembrerebbe essere arrivato già qualche settimana fa, il tecnico salentino è pronto a riabbracciare Nainggolan in nerazzurro. Ora mancherebbe solamente il pollice in su di Beppe Marotta, amminsitratore delegato interista, che dopo poche settimane dal suo arrivo a Milano nel dicembre del 2018 mise fuori rosa proprio il centrocampista per dei comportamenti al di sopra delle righe. Da non sottovalutare nemmeno le insidie del mercato, perché con l'offerta giusta - quella in grado di non far registrare una minusvalenza ai nerazzurri - il Ninja potrebbe salutare definitivamente Milano.

https://www.passioneinter.com/mercato/calciomercato-inter-diretta-ultime-news/