inter news

Buon Compleanno Inter – Da Paramithiotti a Moratti e Zhang: tutti i presidenti della storia

Pietro Magnani

E arriviamo finalmente ai giorni nostri, con il regno della famiglia Zhang. Seconda proprietà straniera consecutiva per l'Inter, rimanendo in Asia ma spostandoci in Cina. Con uno spessore economico ed un peso politico certamente superiore a Thohir, il gruppo Suning si presenta in pompa magna, garantendo e mettendo in campo investimenti importanti. Manca però forse la conoscenza necessaria per farli nella maniera più corretta, difatti le prime campagne acquisti, per quanto faraoniche dal punto di vista delle spese, non portano sostanzialmente a nulla dal punto di vista dei risultati, se non un ritorno in Champions League. Nel 2018 Steven Zhang, rampollo della famiglia e molto coinvolto nel progetto nerazzurro, diventa formalmente presidente della società, rilevando la figura ormai marginale di Thohir. Sotto la spinta del ragazzo, che crede fermamente in una rinascita della squadra, e con l'ingaggio di Antonio Conte per 12 milioni di euro a stagione, il club ha fatto un all-in pesante, facendo un salto di qualità notevole. Il secondo posto in campionato ad un solo punto dalla corazzata Juventus e la finale, poi persa, di Europa League al primo anno del tecnico sono un segnale lampante. Ad oggi l'Inter guida la Serie A in vetta solitaria alla classifica, ma il vento del cambiamento non ha smesso di soffiare.

Pare infatti che Suning, costretto dalle nuove normative del Governo Cinese in fatto di "investimenti superflui" a ridimensionare il proprio impegno nella squadra, stia cercando acquirenti disposti a comprare il club. In attesa di nuovi sviluppi e di tempi più sereni però, l'ambiente nerazzurro deve godersi l'attimo, sperando che la prossima estate porti in dote un trofeo che manca ormai dal lontano 2011.

 Zhang Jindong, Steven Zhang e Antonio Conte, Getty Images
tutte le notizie di