Garlando: “Il nuovo Conte fa bene all’Inter?”. L’analisi ad un anno dallo sfogo di Dortmund

Il tecnico ha avuto un atteggiamento pacato nelle conferenze tenute dell’ultimo periodo

di Raffaele Digirolamo, @RaffaDigi97

Intervenuto sulle colonne de La Gazzetta dello Sport, il giornalista Luigi Garlando ha fatto il punto sulla situazione dell’Inter dopo la sconfitta in Champions League contro il Real Madrid: “Un anno fa, 5 novembre, i nerazzurri perdevano a Dortmund con lo stesso risultato di Madrid: 3-2. Hakimi affondò la squadra da avversario, molto di più di quanto abbia fatto martedì da nerazzurro. L’Inter, in vantaggio di 2 gol, fu rimontata dal Borussia. Con il Real, sotto di 2 reti, ha sfiorato il sorpasso. Ma la vera differenza è un’altra: Antonio Conte. A Dortmund sclerò in un’epica conferenza stampa, accusando la società per la coperta corta e per la propaganda di obbiettivi sproporzionati a una rosa incompleta e inesperta”.

Antonio Conte, Getty Images

Poi continua: “Martedì, in modo più sobrio, avrebbe potuto far notare le scarne opzioni offensive: se manca una metà della Lu-La, è già notte. E l’incompletezza del centrocampo. Se Vidal, affannato dall’interdizione, sbaglia tanto in costruzione è perché ricopre il ruolo che, nel progetto originario, spettava a Kanté, con il cileno incursore-trequartista, ruolo più consono alla sua attuale disponibilità atletica. Ma, Kanté a parte, era palese che in mediana l’Inter avesse bisogno di qualità dinamica, corsa e piedi buoni, perché il lunatico Brozovic non basta e l’innesto di Eriksen è fallito. Un De Paul sarebbe caviale. Invece Conte non si è lamentato, ha parlato solo della «crescita esponenziale» dei suoi”.

 “Ma questo nuovo Conte anestetizzato fa bene alla squadra? Non c’è il rischio che, a forza di ripetere è solo questione di dettagli, siamo i migliori, poi la squadra ci creda e vada avanti a ripetere gli stessi errori”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy