Inter-Borussia Dortmund, Esposito da record: esordio da predestinato, solo Bergomi meglio di lui

Inter-Borussia Dortmund, Esposito da record: esordio da predestinato, solo Bergomi meglio di lui

L’attaccante classe 2002 ha esordito in Champions League all’età di 17 anni e 113 giorni

di Raffaele Caruso

E’ il minuto 61 di Inter-Borussia Dortmund, il tabellone recita 1-0 in favore dei nerazzurri e Antonio Conte lancia con coraggio in campo Sebastiano Esposito, attaccante classe 2002 cresciuto nel settore giovanile nerazzurro, al posto di Romelu Lukaku.

Tra i due ci sono circa 9 anni di differenza ma soprattutto tanti chili e centimetri di differenza ma Esposito ha dimostrato ancora una volta di essere un predestinato, collezionando una prestazione da paura tra cui spicca, tra le tante cose, il calcio di rigore conquistato (ma sbagliato da Lautaro) nel finale di gara.

Una serata indimenticabile per Esposito che inevitabilmente ha segnato una pagina storica nella storia dell’Inter. 17 anni e  113 giorni, il classe 2002 è il più giovane giocatore dell’Inter a giocare una partita tra Champions League e Coppa dei Campioni a partire da Giuseppe Bergomi, nel 1981 (17 anni e 72 giorni).

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

Le PAGELLE di Inter-Borussia Dortmund: De Vrij fa tutto, Lautaro quasi perfetto. Che esordio per Esposito!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy