Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Inter-Cagliari, Conte in conferenza: “Darmian merita l’Europeo. Sanchez? Contento del suo impegno. Hakimi…”

La squadra nerazzurra le ha vinte tutte nel girone di ritorno

Raffaele Caruso

Dopo l'1-0 rifilato al Cagliari e l'11esima vittoria consecutiva in campionato, Antonio Conte si è presentato in conferenza stampa per analizzare la sfida di San Siro e per commentare la prestazione dei suoi.

Ecco le sue parole: "Darmian penso che stia meritando di giocare. E' un giocatore, un jolly prezioso. Ho avuto il piacere di allenarlo in Nazionale ed era un calciatore serio, apposto, che lavora, gioca o non gioca è sempre al suo posto e dà il massimo. Si sta togliendo tante soddisfazioni. Per me può sognare di andare all'Europeo. Ad un allenatore dà la possibilità di farsi metter ovunque, è duttile e se riesce a fare gol sono contento per lui e per la sua serietà".

Su Sanchez:"Alexis ha cercato di dare un apporto. Volevo usare questo tipo di approccio proprio perché ci aspettavamo un blocco a difesa della porta e cercare palle lunghe per Pavoletti. Alexis ha dato il suo contributo e sono contento per l'impegno".

I cambi: "Lautaro dalla panchina? Penso che Alexis meritasse una chance dall'inizio perché ha dimostrato di stare molto bene. Hakimi mi dava l'opportunità in panchina di cambiare la gara e infatti così è successo. Anche lui veniva da partite giocate in maniera continuativa. Avere Hakimi dal 60' in poi o 70' ed è diverso da avere lo stesso Darmian, perché Acraf ti dà la possibilità di cambiare velocità. Anche la scelta sui centrocampisti di qualità ha dato i suoi frutti".

L'esultanza e il bacio ad Hakimi:"Provo sempre delle grandi emozioni e cerco di trasferirle ai miei calciatori. Penso sia giusto condividere con loro perché mi considerano un fratello maggiore che li sgrida, li bacia e li abbraccia e dimostro loro il mio affetto. E' giusto premiarli quando come oggi hanno dato veramente tutto. Era giusto condividere tutti insieme questa gioia. Ci stiamo avvicinando, ma ancora non è fatto niente. Ora due giorni di riposo perché se li sono meritati e poi riprendiamo il discorso per la trasferta contro il Napoli".

tutte le notizie di