Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

senza categoria

INTER WOMEN – Regazzoli, oh no! Inter, un k.o. che non fa male. Marinelli sempre più a suo agio in Serie A

Nuova puntata con la rubrica dedicata alla squadra femminile. Ora arrivano due sfide ancora più dure per Sorbi: la Juventus Women e il dover rimpiazzare la numero 10 in mezzo al campo, vittima della rottura del crociato

Daniele Najjar

"E' vero, era il derby, ma stiamo parlando pur sempre di una squadra che è arrivata terza lo scorso campionato da una parte, e di una neopromossa dall'altro. L'Inter femminile gioca a testa alta la prima storica sfida in campionato ad un Milan che si è dimostrato più abituato a certe sfide, uscendone sconfitta nel risultato pur non avendo demeritato nei 90 minuti. La notizia peggiore dunque, per stessa ammissione di mister Sorbi, non è la sconfitta stessa, ma l'infortunio rimediato da Alice Regazzoli, vero e proprio faro di questa squadra: il bollettino medico purtroppo dice rottura del crociato. Una vera e propria tegola per le nerazzurre. Per chi segue meno il calcio in rosa, si può rendere l'idea dicendo che Alice è per l'Inter Women quello che oggi Stefano Sensi è per Antonio Conte: il faro del gioco. Ora la scelta per Sorbi ricadrà fra il riportare Martina Brustia in mezzo al campo anziché in posizione più defilata ed il dare fiducia a Sofia Colombo.

Le formazioni

INTER - Marchitelli; Merlo, Debever, Auvinen, Fracaros; Marinelli, Regazzoli, Alborghetti, Brustia; 27 Tarenzi, 16 Goldoni. Allenatore: Attilio Sorbi.

MILAN - Korenciova, Hovland, Fusetti, Bergamaschi, Giacinti, Heroum, Jane, Andrade Rodriguez, Conc, Tucceri Cimini, Vitale. Allenatore: Maurizio Ganz.

LA PARTITA

Pronti-via, Andrade trova dalla sinistra Bergamaschi che non trova la deviazione da pochi metri. Pochi minuti dopo è ancora Milan, ma Vitale in scivolata non trova la sfera su un invitante cross di Hovland. L'Inter però non sta a guardare: al decimo minuto si accende il collaudato asse Regazzoli-Marinelli: lancio con il contagiri della numero 10 per Gloria che dalla sinistra controlla, si accentra e tira, ma la sfera esce di un nulla. Al 34' c'è il vantaggio del Milan con il sinistro di Dominika Conc sull'invito di Giacinti dopo una discesa sulla sinistra. Marinelli a sinistra è scatenata: un suo cross al bacio viene raccolto da Tarenzi che trova l'angolino, ma anche la pronta risposta di Korenciova.

Il secondo tempo inizia con il botto: Pandini lavora un pallone sulla destra, lo serve a Tarenzi che controlla e serve Marinelli sul fronte opposto. L'attaccante lascia partire un tiro a giro dal vertice dell'area sinistro che si insacca in rete per il pareggio. Il vantaggio però dura poco: cinque minuti più tardi Conc trova la doppietta con una botta da fuori area che trova l'angolino. Ancora Conc al 60' devia un pallone vagante che Debever non libera nel migliore dei modi, ma il suo tiro è alto. Al 31' guizzo nerazzurro con Marinelli che svetta su una punizione dalla trequarti, ma il suo tiro è impreciso. A due minuti dal termine la partita si chiude: punizione di Bergamaschi, la difesa nerazzurra è molto disattenta e Rinaldi può deviare in rete comodamente di testa per il definitivo 1-3.

LA MIGLIORE

Non importa il ruolo, Gloria Marinelli, da due anni a questa parte, è sempre la più pericolosa in campo per l'Inter Femminile. La numero 7 è quella che più impensierisce la retroguardia rossonera fino al gol, da favola, che porta momentaneamente in parità il match. Per un po' dovrà fare a meno dei palloni con i contagiri di Regazzoli: ora più che mai mister Sorbi avrà bisogno di lei.

PROSSIMO AVVERSARIO E CLASSIFICA

Di bene in meglio: l'Inter passa dal derby contro il Milan al derby d'Italia contro i campioni in carica della Juventus Women. Le nerazzurre infatti, domenica alle 12:30, faranno visita a Torino alla favorita per la Serie A.

Di seguito la classifica attuale: