Le PAGELLE di Inter-Lazio 3-1: LuLa esaltante. Brozovic fa impressione, standing ovation per Perisic

Voti e giudizi sui calciatori nerazzurri aggiornati in tempo reale

di Simone Frizza, @simon29_
Eriksen Inter

LE PAGELLE

Inter

Nicolo Barella, Getty Images

I risultati maturati nelle gare di sabato rendono, per l’Inter, questa partita contro la Lazio ancor più importante. A fronte del contemporaneo ko di Juventus e Milan, infatti, i nerazzurri hanno la possibilità sia di allungare sui bianconeri, che di superare in testa alla classifica i rossoneri. Senza dimenticare, poi, che tra soli 7 giorni ci sarà il decisivo derby proprio contro la banda di Pioli, che potrà dire molto dei prossimi mesi di campionato.

Ecco a voi, come di consueto, le pagelle live della gara curate da PassioneInter, mentre sui nostri canali di YouTube e Twitch vi offriamo la live reaction del match.

Le PAGELLE di Inter-Lazio 3-1

HANDANOVIC 6 – Impegnato solo per qualche conclusione poco pericolosa, bravo però a lanciare un paio di ripartenze potenzialmente pericolose. Spiazzato dalla deviazione in occasione del gol della Lazio.

SKRINIAR 7,5 – Litiga un po’ col pallone nel primo tempo, salvo però arpionarlo a Correa che si stava presentando a tu per tu con Handanovic. Nella ripresa sbarra la strada a chiunque dal suo lato: non passa neanche l’aria.

DE VRIJ 7 – Amministra con precisione certosina movimenti e tempi della difesa.

BASTONI 7 – Marca stretto Milinkovic-Savic fino alla sua metà campo, motivo per cui in fase di impostazione si vede un po’ meno. Mezzo voto in più per aver giocato con la spada di Damocle della diffida per 90′.

HAKIMI 6,5 – È un pericolo costante per gli avversari, grazie al motorino integrato che vanta nelle gambe. Un po’ meno preciso nelle giocate, però, rispetto al solito.
Dal 90′ → D’AMBROSIO sv

BARELLA 7,5 – Ha evidentemente giocato col freno a mano tirato causa diffida, ma riesce comunque a rendersi importante. Pulizia chirurgica nelle giocate: partita di enorme responsabilità per lui.

BROZOVIC 8 – Inappuntabile gerarca della mediana. Nella prima parte della gara si vede poco: poi, però, inizia ad alzare i giri del motore fino ad amministrare i tempi della gara e il gioco in mezzo come se tenesse in mano i fili della marionetta. Lancia lui l’azione del terzo gol.

ERIKSEN 7 – Continuano le ottime risposte del danese, anche da mezzala. Le sensazioni avute contro la Juventus si confermano stasera contro la Lazio, partita nella quale inizia ad emergere anche un po’ di personalità. Più in difficoltà nella ripresa, comprensibilmente, perché Milinkovic-Savic ha iniziato a carburare.
Dal 72′ → GAGLIARDINI 6 – Entra ed amministra con attenzione.

PERISIC 7,5 – Probabilmente la miglior partita di Perisic nel nuovo corso targato Antonio Conte. Mentalmente concentratissimo e tatticamente bloccato a contenere le sgroppate di Lazzari: lavoro svolto in maniera impeccabile. Standing ovation.
Dal 90′ → DARMIAN sv

LAUTARO MARTINEZ 8 – Che sia tornato il Lautaro che conosciamo? In attesa di ulteriori conferme, il Toro di questa sera fa gonfiare il petto e risponde alle critiche. Asciuga la sua prova dalle imprecisioni dettate dalla fretta e dall’eccessiva voglia di fare, ed è anche bravissimo a guadagnarsi il calcio di rigore – netto – per fallo di Hoedt.
Dal 78′ → SANCHEZ sv

LUKAKU 8 – Nel primo tempo il grandissimo lavoro per i compagni viene premiato dai due gol, realizzati su rigore e grazie ad un rimpallo fortunoso. Nella ripresa poi mette la freccia, saluta Parolo e arriva fino all’area piccola, quando la passa dolcemente a Lautaro che deve solamente appoggiare a porta vuota.
Dal 90′ → PINAMONTI sv

DALLA SPAGNA RILANCIANO: FEKIR IN CAMBIO DI SENSI >>>

Siamo LIVE ora su YouTube. Entra a commentare la partita con noi

freccia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy