A tutto Palacio, tra febbre da derby ed Olimpia Milano!

di

 

Inter Palacio: il numero 8 nerazzurro si racconta in una lunga intervista ad Inter Channel: ecco qualche anticipazione

Dal gol più bello con la maglia dell’Inter, alla grande passione per il basket, fino alle sensazioni meravigliose che si provano giocando un derby: l’attaccante nerazzurro si racconta a Inter Channel

“Non sono timido, semplicemente non mi piacciono molto le interviste”, ma malgrado questa affermazione, comunque accompagnata da un sorriso. Sono tanti, tantissimi i messaggi da parte dei tifosi per uno degli idoli assoluti del popolo nerazzurro, che dice di essere onorato di giocare nell’Inter, che lui considera “una della squadre più forti del mondo”.

Un idolo vero, Rodrigo, tanto modesto quanto letale in zona gol, anche per quanto fatto vedere in una partita di fine dicembre: Uomo derby? No dai, ho avuto la fortuna di fare gol nel derby dell’andata, ma non sono un uomo derby. Milito lo è, perché ne ha fatti tanti. Ecco, spero di farne un altro nella prossima partita, potrebbe bastare per vincere. Il derby è una partita particolare? Prima abbiamo il Napoli, un’altra partita difficile, importante per noi per poter fare una grande gara e qualificarci all’Europa League. Poi arriva il derby, la partita più bella dell’anno, che ovviamente speriamo di vincere. 
Tutti i derby sono belli, il tifo in Argentina è forse più fanatico, anche in Italia, ma qui si vive diversamente. Il derby di Milano è bello, giocare in un San Siro pieno è bellissimo. I giorni prima della partita mi capita sempre di incontrare i tifosi al ristorante che fanno le loro ‘raccomandazioni’: il calcio è così, la gente vive per il calcio, come noi. Faremo di tutto per vincerlo”. 

E a proposito di gol: “Il mio gol più bello? Quello nel derby d’andata, che è anche il più importante. Poi quello in Coppa Italia l’anno scorso contro il Bologna, mi è piaciuto tanto. Purtroppo calcio poco da fuori area, me lo dice anche il mister. Il terzo? Uno con il Catania, sempre l’anno scorso. Anche quello in pallonetto contro il Cluj”.

Il calcio per Rodrigo è tutto, ma l’attaccante argentino coltiva altre grandi passioni: “Vado spesso a vedere l’Olimpia, mi piace molto e oltretutto ho un grande amico che gioca lì: Bruno Cerella. Sono il suo tifoso numero uno, siamo amici d’infanzia, cresciuti insieme a Bahia Blanca, abbiamo giocato insieme e abbiamo tanti amici in comune. Oggi l’Olimpia ha una partita importante, speriamo di vincerla, in modo da arrivare a gara 5 al Forum e qualificarci alla Final Four che si disputeranno a Milano. In che ruolo giocavo a basket? Playmaker, sarà per l’altezza!”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy