Mancini in conferenza: “Non voglio infortuni, Sensi non farà partite troppo ravvicinate”

Mancini in conferenza: “Non voglio infortuni, Sensi non farà partite troppo ravvicinate”

Il tecnico della nazionale non vuole correre rischi nonostante l’avversario di spessore

di pietromagnani

L’Italia di Roberto Mancini, dopo il pareggio contro la Bosnia di Edin Dzeko, affronterà domani l’Olanda. Nella consueta conferenza della vigilia, l’allenatore ha anche parlato di un giocatore che potrebbe essere fondamentale nello scacchiere di Conte per la prossima stagione, Stefano Sensi.

L’ex centrocampista del Sassuolo, protagonista di un avvio di campionato straordinario l’anno scorso, è poi  caduto in una spirale infinita di infortuni e ha ovviamente una incredibile voglia di rivalsa, come dimostrato proprio contro la Bosnia.

Mancini però frena, proprio per evitare l’ennesima ricaduta: “Questa è una annata particolare, sono partite particolari. I ragazzi sono venuti qui senza allenamenti e preparazione alle spalle, una situazione anomala e senza precedenti. Dobbiamo essere responsabili e avere rispetto dei nostri calciatori, farli girare per evitare problemi fisici. Non vogliamo che abbiano infortuni. Ad esempio dubito che Sensi possa fare due partite in 4 giorni, non vogliamo abbia ricadute”.

>>>Iscriviti al canale Youtube! Parla con noi ogni giorno in Diretta alle 19<<<

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy