Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Ranieri: “Con Conte c’è grande rispetto, la sua Inter è caparbia. Noi avremo degli assenti, ecco quali”

Claudio Ranieri, Getty Images

Il tecnico blucerchiato in conferenza stampa

Simone Frizza

"Riscattare la sconfitta subita per 1-0 contro la Roma. È questo l'obiettivo della Sampdoria di Claudio Ranieri, che in conferenza stampa ha presentato il prossimo match di campionato, quello di domani contro l'Inter di Antonio Conte. Ecco le sue dichiarazioni.

"Partita -"È una partita bella e difficile. Faremo come a Roma, cercheremo di vincere e se poi ci sarà il colpo di un gran campione gli faremo i complimenti. Voglio sempre che le mie squadre scendano in campo con l'obiettivo di provare a vincere. Da Roma sono tornato con le certezze che la squadra è in ottima condizione fisica, mentale e di forma. Lo ripeto, sono soddisfatto della prova. Abbiamo sbagliato sicuramente qualcosa, ma giocando contro una delle pretendenti allo Scudetto o comunque una squadra che sta lottando per entrare in Champions League. È terza in campionato, quindi dobbiamo considerare la forza dell'avversario. La squadra ha lottato, abbiamo vinto tantissime seconde palle e li abbiamo messi in difficoltà e questo va bene".

 Claudio Ranieri, Getty Images

"Infortunati - "Keita sta bene, deciderò come al solito stasera se giocare con due punte o con una punta e un trequartista. Bereszyński ha fatto i primi giorni di lavoro con noi. Ha recuperato ma non è certo al 100%, non ha mai fatto una partita a tutto campo con noi. Ha solo fatto una partitella, per cui non ci sarà dall'inizio".

"Ekdal out - "Non avendo Ekdal in questo momento Silva mi dà ampie garanzie. È tornato il giocatore che conoscevamo come campione d'Europa con il Portogallo, è un giocatore internazionale perché ha giocato in vari campionati. Mi dà ampia sicurezza".

"Inter - "Fra me e Conte c'è amicizia e sincerità reciproca. La sua Inter la vedo con il suo carattere: una squadra caparbia, determinata. Noi cercheremo di fare la nostra partita, determinati e cercando di metterli in difficoltà, provando a vincerla".