Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Suazo tra Inter e Triplete: “Sento miei quei trofei. Sono stato ad un passo dal Milan. Ibra? Impressionante”

L'ex attaccante nerazzurro racconta la sua esperienza con la Beneamata tra l'epoca Mancini e l'avventura con Mourinho

Giuseppe Coppola

"Intervistato da Sky Sport in occasione della rubrica #CasaSkySport, l'ex attaccante dell'Inter David Suazo ha scelto di ricordare la sua esperienza a Milano, condita da successi e trofei vinti in nerazzurro, parlando anche dei tecnici avuti alla Beneamata, da Mancini a Mourinho.

"INTER - "Far parte di quell'Inter è stato bellissimo. Vincere lo scudetto nel 2008 per me è stato come centrare la promozione col Cagliari nel 2004: in quelle stagioni sono cresciuto e per un honduregno vincere un campionato in Italia è qualcosa di speciale".

"TRIPLETE - "L'Inter l'ho sempre seguita, sento quei successi anche un po' miei. La forza di quella squadra era il gruppo, sapevamo di poter fare la storia. Anche Mourinho però è stato bravo, eravamo tutti pronti ad aiutarci e lo ha dimostrato il risultato finale".

"MOU E MANCINI - "Mancini e Mourinho sono due vincenti ma gestiscono la squadra in modo diverso. Il portoghese è chiaro fin da subito, sceglie una squadra e se il titolare s'infortuna ti fa entrare. Mancini invece teneva tutti sul filo e faceva ruotare i calciatori. I loro difetti? Mourinho mi ha fatto giocare poco, devo ammetterlo. Mancini invece era uno che si arrabbiava troppo. Mi ripeteva sempre che non ero più al Cagliari e mi ha dato tanti consigli".

"MILAN - "Prima dell'Inter sarei potuto andare al Milan, ma avevo già dato la parola ai nerazzurri parlando con il mister Mancini. Lasciare Cagliari non è stato facile, soprattutto dopo otto anni. Ma quando arrivano chiamate come queste, si parla con la società ed anche io avevo capito che era arrivato il momento di cambiare". 

"COMPAGNI - "Ho giocato con calciatori importanti, partendo già da Zola al Cagliari. Ibrahimovic è quello che mi ha impressionato di più, poteva vincere le partite da solo. Ma ce ne sono altri, da Milito a Figo".

https://www.passioneinter.com/notizie-nerazzurre/inter-news-live/