INTER NEWS

Top & Flop di Inter-Empoli: Lautaro e Perisic show, disastro de Vrij

Pietro Magnani

BARELLA 7 - L'unico a rendersi pericoloso in avvio, ma al solito si fa prendere dalla foga e invece di stoppare tira al volo, scheggiando solo il palo. Unico guizzo di un avvio pessimo anche per lui. Prova a riscuotersi ma, spesso, tira quando non deve e non tira quando deve. Comico il tentativo di simulazione: ok la spinta ma il tuffo è accentuato in maniera evidentissima. Si riprende alla distanza alla grande però, dimostrando grande personalità e iniziando a giocare come sa: sua la palla recuperata per il pareggio. Primo tempo a due facce, ma l'Inter ha bisogno solo della seconda. Nel secondo tempo le sue folate tengono alta la squadra che infatti non rischia più nulla.

PERISIC 8 - L'unico sempre vivo dell'Inter, come sempre ultimamente, nei primi minuti di gioco. Metta alla frusta il proprio marcatore e prova a mettere i compagni in condizione di segnare. Tutti gli attacchi migliori provengono da sinistra e dai suoi piedi e costringe anche Vicario ad un miracolo. Importante, al solito, anche in difesa per aiutare Dimarco. Ennesima partita clamorosa: inesauribile.

LAUTARO 8 - La squadra non gira e anche lui ne risente. Ha un paio di palloni buoni ma non sembra giornata. Quando il pallone scotta però, e Calhanoglu lo serve come si deve, è freddissimo e segna un pareggio pesantissimo prima di fine primo tempo. Lotta senza sosta per aiutare la squadra e nella ripresa segna il pesantissimo 3 a 2. 23 esimo goal stagionale.

tutte le notizie di