Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Ulivieri: “Oriali un campione di campo e spogliatoio. Non è un caso se i migliori allenatori lo vogliono”

L'allenatore ha condiviso con il dirigente nerazzurro un'esperienza al Bologna

Antonio Siragusano

"Era una macchina ben oliata quella composta al Bologna da Renzo Ulivieri alla guida tecnica della squadra e da Lele Oriali nelle vesti di direttore sportivo. I due avevano un rapporto basato sulla fiducia reciproca che li portava ad essere spesso concordi nella loro visione del calcio e nella scelta degli uomini. Del rapporto con l'attuale first team technical manager dell'Inter, ha parlato proprio l'attuale presidente dell'Associazione Italiana Allenatori nell'intervista concessa ai microfoni di calciomercato.com: “Oriali? È un campione di campo e spogliatoio. Lele è uno che trova sempre la chiave per comunicare al calciatore la cosa giusta. Con tempi e con modi che ti entrano nella testa. Ragazzi, non può essere un caso se allenatori come Mourinho, Mancini e Conte lo vogliono accanto”.

"Possiamo dire che alleggerisce il lavoro agli allenatori?

“Non solo. Lele fa da sempre il lavoro sporco e questo consente a noi allenatori di conservare qualche sorriso in più da esibire ai calciatori. E poi, spesso e volentieri, era quello che mi calmava”.

"Oriali l’ha convinta ad accettare tanti calciatori, c’è stata una volta in cui è stato lei a persuaderlo?

“Guardi, è un paradosso. L’unica volta che ho convinto Oriali fu per Mangone, ma era comunque un calciatore che proponeva lui. Ricordo che mi serviva un terzino-stopper, diciamo bravo anche a giocare a tre. Mi disse 'Mister, io conosco Mangone, l’ho avuto è bravo. Però lei che dice…' Titubava un po’. Gli dissi 'Lele, lo conosci tu? Se lo conosci tu si prende e basta'. Insomma, questo era il rapporto di stima e sintonia che si era creato. Quattro anni meravigliosi”.