Zambrotta: “Il Milan ha ridotto il gap con l’Inter. Hernandez contro Hakimi, che sfida! Su Conte e Ibra…”

Dopo la sosta per le Nazionali, il 17 ottobre è in programma a San Siro la stracittadina milanese

di Raffaele Caruso

Gianluca Zambrotta, ex difensore di Juventus, Milan e della Nazionale azzurra, si è concesso ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per parlare dei temi più caldi che tengono banco in casa rossonera e per presentare il derby in programma contro l’Inter sabato 17 ottobre a San Siro.

Ecco le sue parole: “Hakimi contro Theo? Parliamo di un giocatore che ha fatto bene in Bundesliga e che in Italia ha iniziato con due assist e un gol. Sia lui che Hernandez interpretano al meglio il ruolo dell’esterno moderno, sarà una bella sfida”.

Su Tonali: “A 20 anni sembra abbia l’esperienza nel Dna, la sua maturità ti colpisce. Però ricordiamoci che arriva dal Brescia, che lottava per obiettivi diversi. Io conosco la differenza tra i campi di provincia e stadi come il Camp Nou o San Siro: se non sei abbastanza forte mentalmente rischi di pagare tutto alle prime difficoltà”.

Su Inter-Milan:Premesso che un derby a porte chiuse rattrista chiunque ami il calcio, penso che per il Milan possa essere un vantaggio: con l’Inter in casa, il pubblico sarebbe stato soprattutto nerazzurro. E se Ibra con i fischi si carica, per tanti altri compagni più giovani di lui sarebbe stato diversa”.

La forza dell’Inter:Hanno segnato 10 gol in 3 partite, sarà un bel test per la difesa del Milan. Allo stesso tempo però credo che quest’anno dietro possano concedere qualcosa in più».

Conte da una parte, Ibra dall’altra:Sono ruoli diversi, anche se per il modo di vivere partita e allenamenti si somigliano tantissimo. Antonio è impeccabile nella preparazione mentale: le sue squadre non crollano mai. Zlatan ti attacca addosso la sua voglia di vincere: a 39 anni è lo stesso di quando giocavamo insieme”.

Gap ridotto: Siamo solo all’inizio e tre partite sono poche per trarre giudizi, ma penso che il gap tra le due squadre si sia ridotto. E non dimentichiamoci che il Milan non perde da 19 partite consecutive, in campionato non ha ancora preso gol ed è in grande crescita. Come fa il detto? Chi ben comincia…”.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy