Zenga: “Tutti dobbiamo osservare le regole. Serie A? Quando ripartiremo saranno 13 finali”

Le parole dell’allenatore del Cagliari sull’emergenza Coronavirus e la quarantena

di Martina Napolano, @OnlyLoveINTER

Walter Zenga, allenatore del Cagliari, ha rilasciato una lunga intervista a L’Unione Sarda. Il tecnico sta affrontando la quarantena al centro sportivo Assemini, dove è sempre a stretto contatto con il suo staff tramite chiamata. Ecco le sue parole sull’emergenza:

REGOLE – “Sono ad Asseminello. Il Cagliari rispetta le regole, il decreto nazionale, le raccomandazioni del presidente della Regione Sardegna, Solinas. Non ho voluto creare problemi o sembrare un privilegiato, andando dall’hotel al centro sportivo dalla mattina alla sera. Dobbiamo dare l’esempio: spero vivamente che questo messaggio che arriva dalla nostra società possa servire a far capire che tutti insieme possiamo fare qualcosa, ma solo con l’osservanza delle regole”.

LAVORO AL CENTRO SPORTIVO – “La mia giornata l’ho organizzata nei minimi dettagli, con le sedute video, i vari spezzoni di partite del Cagliari, le video conferenze con il presidente Giulini e il mio staff. Penso a preparare gli allenamenti, studio come riprendere il 21. Voglio farmi trovare pronto per il campo”.

MESSAGGIO AI TIFOSI – “Dobbiamo dare innanzitutto alle istituzioni il tempo necessario per riportare la normalità. Quando si tornerà in campo, saranno tredici finali, un mini-campionato: dovremo dare tutto sino all’ultimo, è la mia filosofia. Se ti comporti bene la gente non sarà mai contro, la vorrei conquistare”.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – ESCLUSIVA, Bird: “Dovevamo ispirarci all’Italia”. Lega e FIGC al lavoro per salvare la Serie A. Prima partita negli eSports per l’Inter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy