Gabigol: “Da quando sono tornato in Brasile ho cambiato stile di vita. Sogno la Libertadores e il Mondiale 2022”

Gabigol: “Da quando sono tornato in Brasile ho cambiato stile di vita. Sogno la Libertadores e il Mondiale 2022”

Il centravanti brasiliano protagonista di una lunga intervista

di Antonio Siragusano

Raggiunto dai microfoni della Fifa, Gabigol ha toccato davvero tantissimi argomenti. Il centravanti del Flamengo, attualmente in prestito dall’Inter, non sa ancora bene cosa vorrà fare del proprio futuro, dal momento che non ha ancora accettato definitivamente la proposta di riscatto da parte del club brasiliano. L’attaccante verdeoro vorrà prima portare a termine la stagione per cercare di vincere sia il Brasilerao che la Copa Libertadores che vedrà la sua squadra in finale contro il River Plate. Ecco le sue parole:

CRESCITA – “Penso di si. Penso di essere cresciuto molto, e questo mi rende molto felice perché sono ancora molto giovane. Ho cambiato molte cose nella mia vita da quando sono tornato dall’Europa, e quest’anno sono stato particolarmente concentrato su questo. Ho assunto un medico nutrizionale. Adoravo i dolci e ne ho dovuto fare a meno. Ho assunto lo chef. Mangio bene. Ho un fisioterapista e persone che si occupano di altre cose, e questo mi ha aiutato molto: posso concentrarmi sul calcio. Ho avuto dei numeri fantastici con l’aiuto del mio team, ma voglio sempre migliorare”.

SUPERATO ADRIANO – “È un grande onore, ma non merito di essere menzionato accanto ad Adriano e Zico. Sono leggende del calcio del Flamengo e brasiliano e hanno vinto titoli per questo club. Io non ho ancora vinto nulla e c’è molto da fare per vincere i titoli Brasileirao e Libertadores. Inoltre, le mie statistiche sono il risultato del lavoro di tutto il team, non solo del mio. Sono molto grato ai miei compagni di squadra e al mio allenatore. Devo ammettere che il mio obiettivo non è solo quello di diventare un campione con Flamengo”.

BRUNO HENRIQUE – “Lo conosco da quando eravamo al Santos. Andiamo molto d’accordo e in campo stiamo migliorando sempre di più nel feeling. È un grande giocatore. Sono stato davvero contento quando ha firmato per il Flamengo. Ha attraversato un periodo difficile al Santos con l’infortunio, quindi sono davvero felice per lui che stia passando un grande momento e sia entrato nel Seleção”.

JORGE JESUS – “È un allenatore davvero speciale, forse il migliore che abbia mai avuto. Ha portato molte nuove idee a Flamengo e hanno funzionato davvero bene. È molto severo, ma ha affetto per tutti i giocatori e i tifosi”.

TIFOSI FLAMENGO –  “Assolutamente. È inspiegabile. Ogni partita è piena. Ovunque andiamo abbiamo un enorme supporto. Conosciamo tutti la storia del Flamengo, che hanno la più grande base di tifosi, che sono davvero appassionati, ma devi sentirlo, essere sul campo per capire veramente. È straordinario, al di là di qualsiasi cosa io abbia mai immaginato. Mi ha travolto”.

IDOLO DEI TIFOSI – “Mi rende davvero felice. Sono stato al Flamengo solo per un po’, e ovviamente gli obiettivi e le vittorie mi aiutano, ma i tifosi sono stati dietro di me sin dalla prima partita. L’enorme affetto che mi hanno mostrato mi ha davvero sopraffatto. Sono così grato. Provo a ripagare lo stesso in campo”.

FINALE LIBERTADORES –Il nostro obiettivo era solo quello di arrivarci, e ovviamente siamo davvero felici di averlo fatto con una vittoria. Era passato troppo tempo. Ma il nostro focus ora è sul Brasileirao – la prossima partita, poi quella dopo. Dobbiamo provare a fare delle buone prestazioni in modo che quando arriverà il 23, saremo in buona forma e fiduciosi”.

RIVER PLATE – “Sono un gruppo davvero forte. Hanno molta esperienza. Sono i campioni della Libertadores, sono abituati a raggiungere la finale. Sono molto affermati, dobbiamo rispettarli. Ma conosciamo il nostro potenziale e dobbiamo mettere in campo il nostro gioco. Sarà una grande partita, ma in questo momento ci stiamo concentrando sul Brasileirao perché vogliamo davvero diventare campioni brasiliani”.

LIVERPOOL – “Mondiale per Club? Per prima cosa dobbiamo battere il River Plate, quindi vincere una finale per, chissà, giocare poi contro il Liverpool. I tifosi ne parlano, ma il nostro focus per ora è sul Brasileirao. Ma il Liverpool è un’ottima squadra. Il loro gioco è di altissima qualità”.

NAZIONALE – “È stato incredibile È bello essere nel Seleção, il mio paese, la più grande squadra del mondo. È stata un’esperienza incredibile. Imparo sempre tante cose quando sono lì. Mi è davvero piaciuto indossare la maglia del Brasile e poter giocare qualche minuto”.

MONDIALI 2022 –È un grande sogno. La Coppa del Mondo è così speciale. Ricordo che il Brasile vinse i Mondiali nel 2002, anche se ero molto giovane. E il Brasile ha ospitato i Mondiali nel 2014. Non abbiamo ottenuto il risultato che volevamo, ma è stato uno spettacolo bellissimo. Il Brasile ha così tanti grandi giocatori in ogni posizione. Ci sono molte cose che devono accadere per realizzare il mio sogno, ma ogni giorno cerco di lavorare sodo per continuare a migliorare e mi piacerebbe fare abbastanza per essere lì nel 2022″.

IDOLI – “Ronaldo, Neymar, Robinho e il mio idolo Cristiano Ronaldo. Firmino e Gabriel Jesus sono anche grandi giocatori ed è stato un piacere stare con loro nel Seleção e vederli giocare”.

Sfida la redazione di PassioneInter.com su Magic: crea la tua fanta squadra con i tuoi campioni preferiti e diventa il migliore fantacalcista d’Italia solo con La Gazzetta dello Sport.

Commenta tutte le news con i tifosi su Telegram: ci sono già più di 2.000 interisti!

LIVE Inter ora per ora – Conte chiede rinforzi, il Flamengo stringe per Gabigol. Politano, distorsione alla caviglia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy