Perisic: “Stavo per andare via, ma Spalletti voleva tenermi e non rimpiango di essere rimasto. Futuro in Premier? Mai dire mai, mi piacerebbe…”

Perisic: “Stavo per andare via, ma Spalletti voleva tenermi e non rimpiango di essere rimasto. Futuro in Premier? Mai dire mai, mi piacerebbe…”

Prima parte di una lunga intervista che l’esterno croato ha rilasciato al magazine britannico FourFourTwo

di Simone Frizza, @simon29_

Ivan Perisic, esterno croato dell’Inter, ha rilasciato una lunga intervista al magazine britannico FourFourTwo, nella quale ha trattato diversi temi. In questa prima parte si è parlato di Inter, di come lui stesse per andare al Manchester United l’anno scorso, del fatto che Spalletti riuscì a convincerlo a restare e della possibilità futura di lasciare comunque Milano. Ecco le sue parole.

RITORNO IN CHAMPIONS CON L’INTER – “L’Inter non si era qualificata per la Champions League negli ultimi 6 anni. E per un club talmente conosciuto è un periodo lunghissimo. Per fortuna siamo stati capaci di riportare la Champions League a San Siro, sono davvero felice di aver fatto parte di questa storia perché non è stata una passeggiata. La qualità del calcio italiano è migliorata tantissimo negli ultimi anni e ci sono diverse squadre forti. Magari non avevamo la squadra giusta per vincere lo scudetto ma volevamo lottare per un piazzamento nelle prime quattro e andare in Champions. La partita con la Lazio è stata davvero stressante e probabilmente riassume alla perfezione la nostra stagione in 90 minuti. Abbiamo dovuto rimontare due volte ma alla fine abbiamo vinto ed è stata un’emozione incredibile da celebrare all’Olimpico”.

INIZIO DI STAGIONE IN CHAMPIONS – “Sono felice di essere tornato a giocare in Champions dopo diversi anni, avevo debuttato col Borussia Dortmund ma in quel momento ero forse il 12esimo o 13esimo della squadra e non ero coinvolto in tutte le partite.Giocare regolarmente in questo palcoscenico è stata qualcosa che ho voluto fortemente per tanto tempo. Abbiamo iniziato bene il girone, ora dobbiamo completare il lavoro nelle partite finali per vedere dove siamo in relazione alle migliori squadre europee”.

VRSALJKO E BROZOVIC – “È bellissimo condividere lo spogliatoio con i tuoi compagni della Nazionale. Diventa tutto più facile quando hai qualcuno che parla la tua stessa lingua al tuo fianco. Poi siamo anche molto amici fuori dal campo e questo agevola la nostra vita a Milano. L’Inter ha firmato un top player come Vrsaljko e sono sicuro che Sime ci aiuterà a raggiungere buoni risultati in questa stagione”.

SPALLETTI – “Quando Spalletti è arrivato, ero molto vicino a lasciare il club. Ma lui ha sempre mostrato un tremendo desiderio di trattenermi in squadra e ha anche spiegato apertamente che non voleva perdermi. Ovviamente è stato qualcosa che mi ha lusingato e incoraggiato, e non ho mai rimpianto la decisione di rimanere all’Inter, nemmeno per un solo secondo. Ha fatto ovviamente la differenza per i nostri risultati, riportando l’Inter nel mezzo dell’élite dei club d’Europa”.

MANCHESTER UNITED – “È vero, c’era un’offerta del Manchester United sul tavolo ed ero molto vicino ad andare via dall’Inter. Ma alla fine ho deciso di restare e la perseveranza di Spalletti nel tenermi ha giocato un ruolo importante. Nel calcio, i piccoli dettagli rappresentano la chiave in situazioni del genere”.

AMMIRAZIONE DI MOURINHO – “L’ammirazione di un tecnico come Mourinho indubbiamente mi lusinga. Conferma il duro lavoro e le buone performance. Quando sei elogiato da un allenatore di una grande squadra come lo United è difficile non pensare a un’offerta del genere. Sono felice che abbia un’opinione così importante su di me e queste cose mi motivano ad allenarmi duramente per ottenere risultati migliori”.

FUTURO IN PREMIER LEAGUE – “Mai dire mai nel calcio. Dall’inizio della mia carriera ho avuto l’ambizione di giocare nel maggior numero di grandi campionati possibili. E ho ancora il desiderio di testarmi in altri tornei, come quello spagnolo o inglese. Spero che i tifosi dell’Inter possano capire il mio punto di vista. Sono un atleta e sono un professionista, mi piacciono le sfide e questa è la mia forza trainante. Cosa porterà il futuro non lo so, adesso sono concentrato sull’Inter. Stiamo provando a fare un passo avanti ancora più grande rispetto alla scorsa stagione”.

LEGGI ANCHE – Perisic: “Non mi aspettavo di arrivare in finale al Mondiale”

Tutte le news sull’Inter in tempo reale: iscriviti al canale Telegram di Passioneinter.com

VIDEO – Stoppini: “Marotta? Ecco perché è saltato l’annuncio”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy