Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

analisi

Inter in testa nel girone di ritorno: che facevano Lukaku & co. l’ultima volta che successe?

Esultanza (@Getty Images)

Ecco come se la passavano dieci anni fa gli attuali calciatori dell'Inter

Lorenzo Della Savia

"L'ultima volta che l'Inter si è trovata in testa nel mese di febbraio, nel girone di ritorno, c'era ancora la lira. No, va bene, stiamo scherzando: però l'ultima volta è successo dieci anni fa, nel 2011, è comunque un bel pezzo di tempo. E che cosa facevano, dieci anni fa, i giocatori che oggi fanno parte dell'Inter capace di tornare in testa alla Serie A a stagione inoltrata? Lo spunto lo ha lanciato la pagina FacebookCalciatori Brutti, che ha pubblicato le foto di alcuni odierni calciatori nerazzurri. Noi, dal canto nostro, ci abbiamo aggiunto i testi. Buona visione e buona lettura.

 Esultanza (@Getty Images)

L'ALLIEVO DI COSSU

—  

"Nel 2011 Nicolò Barella aveva appena 14 anni, ma con il pallone ci sapeva già fare: forse anche per via degli insegnamenti di Andrea Cossu, con cui l'attuale centrocampista dell'Inter è qui ritratto. Insegnamenti segreti che sembrano aver portato bene a Barella, visto che a 20 anni è diventato il più giovane capitano del Cagliari e visto che è candidato, prossimamente, a indossare anche la fascia dell'Inter.

SULLA PANCHINA DEL SIENA

—  

"L'ultima volta che l'Inter è stata in testa nella seconda parte di campionato di Serie A, quello che sarebbe stato l'artefice del ritorno in testa nel mese di febbraio - vale a dire, ovviamente, Antonio Conte - era impegnato in tutt'altre avventure tecniche. Eccolo qui ad allenare il Siena: peraltro in tuta, come un certo Maurizio Sarri, ovvero l'allenatore che lo avrebbe sostituito al Chelsea otto anni dopo. Corsi e ricorsi.

PRIMI PASSI ALL'ANDERLECHT

—  

"Il look è molto meglio adesso, a 27 anni, senza i capelli e con la barba folta. Questo, in ogni caso, è Romelu Lukaku nel 2011: l'attaccante belga giocava ancora in patria, con la maglia dell'Anderlecht. Nell'estate di quell'anno sarebbe passato al Chelsea e poi, dal 2013, all'Everton, compiendo il vero salto di qualità della sua carriera.

OBAMA O HAMILTON?

—  

"Ma chi è il bambino che in questa foto posa insieme a un piccolo Achraf Hakimi? Un giovanissimo Barack Obama, futuro presidente degli Stati Uniti d'America? Lewis Hamilton prima di diventare campione del mondo di Formula 1? Chi lo sa. L'unica certezza è che in quella stessa foto, a sinistra, c'è un bambino destinato a vestire, dopo soli 22 anni di vita, le maglie di Real Madrid, Borussia Dortmund e Inter. Mica male.

ACCADEMIA ALL'AJAX

—  

"Mario Sconcerti, l'altro giorno, ha scritto che quando Christian Eriksen gioca con l'Inter, in campo c'è solo accademia e mai partita vera. Non sappiamo se è vero - ne capiamo meno e comunque il danese pare essere in costante miglioramento - ma questa è una foto di lui mentre fa accademia con la maglia dell'Ajax, all'università del calcio totale.

GIU' LA CRESTA

—  

"Ah, ma quindi Arturo Vidal nella sua carriera ha avuto anche acconciature sobrie? Qui è la foto del centrocampista cileno, fedelissimo di Antonio Conte alla Juventus e all'Inter, con la maglia del Bayer Leverkusen. E come potete vedere, la caratteristica cresta del Guerriero era ancora un semplice abbozzo...

MANDI ALEXIS

—  

"E' e rimane tutt'ora una delle parentesi più belle in assoluto della carriera di Alexis Sanchez. Annata 2010-2011: il cileno fa faville con la maglia dell'Udinese, segna 12 gol e manda in visibilio (oltreché in Champions League) il pubblico friulano, che conia per lui il soprannome Nino Maravilla e che a fine stagione lo saluterà, visto il suo passaggio al Barcellona, nel modo più familiare possibile: Mandi!

IL TORO COL CASCHETTO

—  

"E siamo arrivati all'ultima foto di questa rassegna: un giovanissimo Lautaro Martinez, con la maglia del Racing Club, su un campo sterrato e soprattutto con una capigliatura che per fortuna l'età e l'acquisita saggezza lo hanno indotto a modificare. Grazie, Lauti, apprezziamo molto.