6 Luglio 2024

Correa-Inter a un passo dall’addio: contatti con due società

L'argentino lascerà il club nerazzurro

Inter's Joaquin Correa portrait during italian soccer Serie A match Hellas Verona FC vs Inter - FC Internazionale (portraits archive) at the Marcantonio Bentegodi stadium in Verona, Italy, May 03, 2023 - Credit: Ettore Griffoni

Joaquin Correa è uno dei giocatori dichiaratamente in esubero dell’Inter. Il club nerazzurro sta lavorando alacremente per trovare una sistemazione alla punta argentina, arrivata nel 2021 dalla Lazio per circa 31 milioni di euro e già dalla scorsa stagione fuori dal progetto tecnico di Simone Inzaghi, come dimostra il prestito al Marsiglia.

Dopo il mancato riscatto del Tucu da parte dei francesi, dal 1° luglio Correa è tornato ad essere ufficialmente un giocatore nerazzurro, ma nessuno prende in considerazione l’idea di mantenerlo in rosa. Per questo motivo, ci sono contatti continui per una cessione e – in questo senso – le candidate forti sembrano essere due.

La prima è il River Plate e per l’attaccante si tratterebbe di un ritorno nel club in cui è cresciuto. Gli argentini sarebbero disposti a prenderlo a titolo definitivo, ma senza versare nulla all’Inter, convinti che ai nerazzurri basterebbe risparmiare sul pesante ingaggio da 3,5 milioni netti annuali. Marotta e Ausilio vorrebbero però un indennizzo per evitare (o quanto meno mitigare) la minusvalenza, visto che Correa “pesa” a bilancio ancora per 8 milioni di euro.

La seconda, che sta prendendo sempre più piede nelle ultime ore, porta in Grecia e precisamente all’Aek Atene allenato dall’ex interista Matias Almeyda. Quest’ultimo gradirebbe molto lavorare con il suo connazionale e ci sono stati i primi contatti fra le due società. L’Aek, tuttavia, per il momento sembra aperto soltanto a un prestito, ipotesi che però – vista la scadenza contrattuale di Correa nel 2025 – costringerebbe l’Inter a rinnovare il contratto dell’argentino prima di finalizzare l’operazione.

Resta da non escludere, infine, l’ipotesi della risoluzione consensuale con buonuscita. L’Inter ha fretta di sfoltire l’organico e l’addio di Correa, unito a quello ben più difficile e meno scontato di Arnautovic, permetterebbe ai nerazzurri di creare margine per un nuovo colpo in attacco.