CdS – L’Inter cerca rinforzi a sinistra per gennaio, ma in saldo

I nomi che piacciono a Conte sono interessanti, ma il Covid costringe a stringere la cinghia

di pietromagnani

L’Inter, in attesa di ingranare la marcia adatta alle ambizioni di vittoria che la rosa può permettere, guarda già al mercato di gennaio e agli eventuali innesti per rilanciarsi. Tuttavia, come riportato da Il Corriere dello Sport, la situazione economica originata dal Covid, non permette spese folli, ma solamente operazioni oculate.

I nomi graditi ad Antonio Conte ed alla società sono sempre i soliti, quelli accostati nella finestra di mercato estivo, ma, purtroppo, poi non arrivati a Milano: Junior Firpo, Marcos Alonso e Emerson Palmieri. Fortunatamente per l’Inter, tutti e tre i papabili sono ormai finiti ai margini delle rispettive squadre e sono cedibili senza troppe remore. Per Alonso e Palmieri, entrambi del Chelsea, le possibilità di strappare un prestito leggermente oneroso od addirittura gratuito potrebbero essere alte, visto lo scarsissimo impiego in questa stagione e, nel caso dello spagnolo, il pesante litigio con il tecnico del blues Lampard.

Junior Firpo – Getty Images

Per il terzino del Barcellona invece la questione rimane più complicata, dato che i balugrana lo vorrebbero cedere a titolo definitivo ma per una cifra fuori mercato, circa 40 milioni di euro. Solamente una eventuale apertura ad una cessione in prestito potrebbe sbloccare una trattativa che però, ad oggi, sembra la via più complicata.

Una cosa però è certa: l’Inter ha bisogno di un titolare affidabile anche a sinistra, ma deve o cedere e incassare, o strappare condizioni di saldo totale. Altrimenti ci si dovrà ‘arrangiare’ con i giocatori attualmente in rosa. La situazione generata dal Covid sta colpendo tutte le società e nemmeno i nerazzurri, per quanto in mano ad una proprietà solida, ne sono esenti.

>>>Sostienici su Patreon per avere accesso ai contenuti esclusivi<<<

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy