Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

inter news

Cinque cose che forse non sai su Lautaro Martinez

Perché l'attaccante nerazzurro non vuole essere chiamato per cognome?

Lorenzo Della Savia

"Di Lautaro Martinez, il tifoso interista medio, conosce i gol, le prestazioni in campo, e al massimo il chiacchiericcio extra-campo attorno al calciatore riguarda la vita privata: la social-fidanzata Agustina Gandolfo, per dirne una, o i video pubblicati da casa durante gli allenamenti privati in fase di lockdown. Ma ci sono almeno cinque curiosità che forse non tutti conoscono sull'attaccante dell'Inter, che andremo qui di seguito a svelare.

"NO AL REAL MADRID - Nel 2015, Lautaro Martinez ha appena compiuto 18 anni e ha appena fatto capolino nella rosa della prima squadra del Racing Club. Ed è proprio in quel periodo che Victor Blanco, presidente della società di Avellaneda, si vede recapitare un'offerta da parte del Real Madrid per il calciatore. I Blancos chiedono il Toro in prestito: ma quest'ultimo rifiuta, affermando di voler prima crescere e ottenere successi con la maglia del Racing.

"NEL SEGNO DI MILITO - Forse non tutti sanno che Lautaro Martinez, nel 2015, esordì con il Racing Club subentrando a Diego Milito, che fu - per Lautaro - una sorta di padrino nello spogliatoio del Racing. Ed è proprio grazie a Milito se, nel 2018, dopo che Lautaro Martinez sembrava essere ormai un calciatore dell'Atletico Madrid, quest'ultimo abbia scelto l'Inter. Lautaro avrà poi a dichiarare: "Non ho mai avuto dubbi nello scegliere l'Inter e Milito mi ha aiutato".

"IL NOME SULLA MAGLIA - Lautaro Martinez preferisce essere chiamato col nome di battesimo piuttosto che col cognome, e questo per un motivo molto semplice: e cioè che in Argentina il cognome Martinez è molto comune, e per questo motivo preferisce farsi chiamare 'Lautaro', che è anche il nome che si è fatto stampare sulla maglia dell'Inter.

"FIGLIO D'ARTE - Non tutti, forse, sanno che anche il padre di Lautaro Martinez, Mario, era un calciatore. Il quale non ebbe la stessa gloria del figlio, certamente, perché Mario Martinez riuscì a spingersi sino alla Nacional B, la seconda serie argentina. Giocava terzino destro, ma fu un calciatore prolifico: era infatti abile nel segnare rigori e punizioni.

"CANZONE - A Lautaro Martinez, tra le altre cose, è stata dedicata anche una canzone. Si tratta di un brano del trapper Young Camel e il titolo, appunto, è Lautaro Martinez.