Passioneinter.com
I migliori video scelti dal nostro canale

SOCIOS.COM INTER

Il fondatore di Socios.com: “Inter, club con visione: avvicineremo i giocatori ai tifosi”

Il fondatore di Socios.com: “Inter, club con visione: avvicineremo i giocatori ai tifosi”

Il CEO di Socios.com: "Zhang ha capito da subito la direzione da prendere"

Alessio Murgida

Il nuovo accordo da oltre 20 milioni di euro tra Socios.com e Inter ha portato in auge un nuovo concetto, molto discusso e parlato negli ultimi giorni, ovvero sia quello dei "token". L'ideatore - e fondatore - di Socios.com, Alexandre Dreyfus, è intervenuto ai microfoni de La Gazzetta dello Sport per spiegare ancora meglio a tutti i tifosi la rivoluzione in atto: "Da due anni e mezzo ci lavoriamo, l’Inter è stata una delle prime squadre a cui ci siamo avvicinati. A quei tempi nessuno capiva cosa volessimo fare e ora invece abbiamo rapporti con oltre 40 squadre, tra cui anche Juve, Milan e Roma. La sponsorizzazione sulla maglia non era il nostro primo obiettivo, ma è stato un salto di qualità: il centro è i l Token, la maglia è il modo per arrivarci".

I tifosi sono molto curiosi: che si può dire loro?

"Lavoriamo con molti club rivali, anzi a volte le tifoserie si odiano, ma non ci riguarda: noi li spingiamo solo ad aprirsi alla base. Ecco, ai tifosi interisti, soprattutto quelli lontani, diciamo: non siete soli, ovunque avrete un nuovo modo per guardare all’oggetto della vostra passione".

Qualche dettaglio sul prodotto che offrirete?

"Saranno 20 milioni i Fan Token dell’Inter che potranno essere acquistati/scambiati. E contiamo che il 20% degli acquirenti non arriverà dall’Italia. Per il resto, basta un telefono: si può comprarne anche uno solo per votare i sondaggi proposti e iniziare a partecipare alla vita del club. E più partecipi, più ottieni premi in cambio. Il secondo livello è quello che permette di seguire l’aumento/diminuzione del valore dei token da comprare o vendere: la variazione del prezzo dipende dalle condizioni del mercato". 

Ma l’Italia è tecnologicamente pronta a questa novità?

"Più che la tecnologia di un Paese, conta la domanda uguale per tutti: nel 2021 cos è un tifoso? E cosa sarà domani? Il nostro progetto è per la prossima generazione, più giovane, più digitale, che consuma lo sport mentre vede una serie su  Netflix o gioca a Fortnite".

Ha trovato nell’Inter questa apertura verso un futuro sempre più digitale?

"É un club con una visione, un presidente giovane con cui ho parlato. Zhang ha capito subito la direzione da seguire. Certo, ci responsabilizza ed eccita essere sulla loro maglia, cosa che succede solo col pensato per il Valencia! Dobbiamo quindi fornire l'esperienza migliore e spingere altri team a seguire l'Inter".

Ad esempio, a quali decisioni parteciperanno i tifosi?

"Dipenderà dal club stesso, lo sapremo all'inizio della stagione. Non riguarderanno lo sport o il business, ma aspetti che sanno eccitarli. Pensate quanto può entusiasmare anche solo scegliere la musica allo stadio... Una volta i tifosi dell'Apollon Limassol hanno usato i Fan Token per scegliere la formazione per un'amichevole. Lavoreremo perché le quattro squadre italiane della nostra galassia si sfidino in amichevole e siano proprio i fan a decidere le formazioni e le sostituzioni".